02.95384218     info@sincron-sistemi.it

GNSS e IoT

CONNECTIVITY ENABLE IOT

Con previsioni di 29 miliardi di dispositivi collegati entro il 2022, l'IoT rappresenta un enorme mercato da affrontare. Sebbene l'uso diffuso del GNSS nell'IoT è stato tradizionalmente ostacolato, lo sviluppo di innovativi ricevitori GNSS basati su cloud potrebbero invertire questa tendenza. Inoltre, la disponibilità di servizi di autenticazione PNT(Positioning, Navigation and Timing) possono costituire un ulteriore vantaggio per le applicazioni IoT.

GNSS and IoT

Delle previsioni stimate di 29 miliardi di dispositivi connessi entro il 2022, circa 18 miliardi saranno correlati a IoT. Già nel 2018, i telefoni cellulari dovrebbero essere superati in numero da dispositivi IoT, che includono auto connesse, macchine, contatori, dispositivi indossabili e altri dispositivi elettronici di consumo. La crescita sarà guidata da dispositivi appartenenti al segmento a corto raggio (ad esempio collegati da un segnale radio entro un raggio di circa 100 metri come Wi-Fi e / o Bluetooth) e dalla categoria composta da dispositivi che utilizzano connessioni cellulari e tecnologie a bassa potenza, come Sigfox, LoRaWan e NB-IoT.

 

gnss2

L'avvento di questi dispositivi ha già subito un considerevole aumento del numero di servizi e applicazioni che richiedono informazioni sul posizionamento. Sebbene GNSS indubbiamente costituisce la risorsa più accurata e l'unica onnipresente per localizzare i dispositivi IoT, può verificarsi al contrario che vengano utilizzate altre tecnologie di posizionamento meno accurate. Ciò si verifica alla luce dei requisiti rigorosi dei sensori IoT a basso costo, in termini di basso consumo energetico, al fine di ottenere una maggiore durata della batteria che potrebbe non essere soddisfatta dagli attuali chipset GNSS.

Se da un lato la crescente natura diffusa della connettività a bassa potenza sta già aprendo la strada la via verso l'adozione del GNSS in IoT, con l'integrazione di moduli innovativi nel mercato le tecnologie GNSS e LPWAN, i recenti sviluppi tecnologici potrebbero incrementare ulteriormente l'uso di GNSS in IoT. Un campo promettente di ricerca è infatti focalizzare l'attenzione verso la creazione di un ricevitore GNSS basato su cloud per IoT, in cui il segnale GNSS viene elaborato nel cloud e il ruolo del sensore IoT è puramente quello di acquisire il segnale GNSS. Secondo i ricercatori della Universitat Autònoma di Barcellona coinvolti nella ricerca, l'uso del ricevitore GNSS cloud consente di risparmiare sull'energia consumata dal sensore.

gnss3

Sicurezza, una preoccupazione crescente

Il rapido sviluppo dell'IoT con un numero crescente di dispositivi connessi offre soluzioni in una vasta gamma di settori, offrendo nuove opportunità di business per la crescita economica. Questo, tuttavia, apre la porta a una serie di nuove minacce alla sicurezza. In effetti, potrebbero essere necessari dispositivi IoT per trasmettere informazioni sensibili o regolamentate, rendendole più vulnerabili agli attacchi di spoofing. All'interno di queste applicazioni c'è la sicurezza delle informazioni PNT (Positioning, Navigation and Timing). A questo proposito, i servizi di autenticazione offerti da Galileo (OS-NMA e SAS) sono probabilmente preziosi, garantendo agli utenti che le informazioni PNT provengono dal segnale nello spazio e non alterate per ottenere un vantaggio illegittimo.

ISCRIVITI PER RICEVERE NOVITÁ E OFFERTE SPECIALI